In Primo Piano

Emergenze occupazionali a Brindisi

.

uil.jpg - 9.77 KB

        BRINDISI

Le tematiche riguardanti l’occupazione e la sicurezza dei lavoratori nelle realtà produttive presenti stabilmente e/o occasionalmente sul territorio di Brindisi rimangono al centro dell’attenzione della UIL di Brindisi.  In queste settimane che precedono l’appuntamento congressuale numerose sono le vertenze e le problematiche che richiedono, ancor più del passato, un impegno forte del Sindacato per non vanificare......

1° maggio - FESTA DEL LAVORO

.

 

uil.jpg - 9.77 KB

Segreteria territoriale

         Brindisi

1° Maggio 2014 – Festa del Lavoro

La Festa del Lavoro celebrata il 1° Maggio in tutto il mondo da quasi 150 anni vuole ricordare il percorso, l'impegno, gli obiettivi sociali ed economici raggiunti da tutto il movimento sindacale, insieme ai lavoratori di ogni categoria, nel corso di un lungo periodo di lotte per conquistare diritti e tutele inalienabili, individuali e collettive, contro lo strapotere di settori della borghesia e del latifondismo che fino agli inizi del 1900 hanno deciso i destini di milioni di persone costrette a vivere una esistenza fatta di sacrifici e privazioni di ogni genere.

X° Congresso UILTUCS Brindisi

.

nuovo-logo_uiltucs11.png - 318.33 KB

DOCUMENTO FINALE DEL X CONGRESSO

TERRITORIALE UILTuCS DI BRINDISI

Il X Congresso Territoriale della UILTuCS di Brindisi svoltosi il 16 aprile 2014 a Mesagne presso la Tenuta Moreno, sentita  la relazione del Segretario Generale Raffaele De Punzio, la approva unitamente agli arricchimenti emersi dal dibattito e dalle conclusioni  del Segretario Generale UIL di Brindisi Antonio Licchello.

Congressi UIL

.

 uil.jpg - 9.77 KB

Brindisi

Da quasi 2 mesi è iniziata la fase congressuale della UIL a tutti i livelli dell’Organizzazione, dalle Camere Sindacali Comunali, alle Leghe, alle Categorie.

Siamo nel pieno del confronto e delle discussioni sugli argomenti e sui problemi che riguardano i nostri iscritti, i lavoratori, i pensionati, i cittadini.

Si discute delle difficoltà che attanagliano le persone, si propongono soluzioni, si tracciano le politiche sociali in un contesto in continua evoluzione organizzativa ed economico-sociale.

Il nostro è un Paese che non da prospettive di lavoro ai giovani, ormai costretti ad emigrare, non più in nord Italia, ma in Europa e finanche al di fuori di essa. Ma non solo loro sono coinvolti. La disoccupazione riguarda tutti: gli adulti, da 40 anni in su, che perdono il posto di lavoro, le donne che non lo trovano.

Siamo ridotti male come comunità, distratta ed assoggettata ai futili valori emergenti e poco disposta ad impegnarsi per l’interesse collettivo.

In questa situazione che definire drammatica può sembrare molto riduttivo si inserisce la nostra provincia, martoriata da decenni per la irresponsabilità della politica locale, di coloro che ci hanno amministrato nel passato sia a livello comunale che provinciale.

Sullo slogan di un nuovo modello di sviluppo disegnato sulla carta e mai decollato è stato perso tempo ed occasioni, distruggendo quanto di buono c’è stato nel passato, all’inseguimento di un irrealizzabile futuro.

Oggi siamo ancora a sfogliare i petali della margherita: EDIPOWER SI, EDIPOWER NO, giocando a perdere, continuando a prendere tempo sulle decisioni da applicare, snobbando ed allontanando nel tempo i momenti del confronto (QUELLI UFFICIALI!) e delle scelte  per disporre e deliberare, per dare soluzioni e fiducia ai lavoratori ed alle loro famiglie.

Nei nostri Congressi già svolti si evidenziano le difficoltà che i lavoratori e le imprese affrontano per andare avanti, i problemi dell’affidamento dei lavori di appalto, il mantenimento in vita delle stesse, il dramma della continuità lavorativa per giovani e meno giovani, il rischio della mancanza di un reddito sicuro. Preoccupazioni che assillano la gran parte della nostra comunità.

Quello che più preoccupa è che la politica continua a non comprendere la gravità della crisi, sottovalutando i danni strutturali che sta causando alle famiglie, alle imprese, alla società intera. Danni economici e sociali.

Cresce la sfiducia, il populismo, la dissociazione sociale. Aumenta l’individualismo, l’egoismo, la paura per ciò che ci può riservare il futuro.

L’occasione degli incontri congressuali ci permette di approfondire insieme al gruppo dirigente ed ai partecipanti, la gravità della situazione mettendoci nella condizione di porre questi temi alla pubblica opinione per cercare insieme le possibili soluzioni.

Continueremo nei prossimi giorni a mettere in evidenza le difficoltà, denunciando e proponendo. Le faremo nostre per poi completare il periodo congressuale il 30 e 31 maggio prossimo con il Congresso della UIL territoriale in cui saranno messe a punto le strategie condivise per dare un contributo, insieme a tutti i dirigenti, alla loro risoluzione.

Brindisi 23 aprile 2014                                                      Il Segretario generale

                                                                                         Antonio Licchello

1° Congresso territoriale UILTEC

.

 

uiltec.png - 30.67 KBBRIDISI

Si è concluso nei giorni scorsi il 1° Congresso Territoriale della Uiltec di Brindisi, alla presenza del Segretario Generale Nazionale Paolo Pirani, del Segretario Generale della Uil di Puglia Aldo Pugliese e del Segretario Generale della Uil di Brindisi Antonio Licchello.

Il dibattito congressuale, ha evidenziato l’esigenza sul nostro territorio di una forte attenzione al sistema industriale in generale, senza il quale Brindisi non avrebbe possibilità di ripresa economica ed occupazionale.

Dagli interventi dei Delegati è emersa forte la preoccupazione per un continuo e sistematico attacco da parte di ambienti ostili al sistema industriale presente sul nostro territorio, con il rischio di scoraggiare le aziende a ulteriori investimenti. Non si comprende però come mai i giovani confidano ancora nel ricercare un posto di lavoro in questo settore, così come si evince chiaramente dal numero delle domande di assunzione nelle varie aziende che in questo momento stanno offrendo un ulteriore possibilità di lavoro.

Le proposte scaturite dal Documento finale approvato all’unanimità dal Congresso, evidenziano alcune criticità:

per quanto riguarda la crisi, che stanno mettendo a dura prova le fondamenta di un modello di società, sagomata su tradizioni pluriennali e consolidate dai cittadini. La UILTEC come indicazione e proposta venuta dalla relazione del segretario e dall’intervento di Paolo Pirani, si propone di profondere tutta la cultura e le energie disponibili, per portare equilibri sociali ed economici alle famiglie del nostro territorio;

 per fare questo, il Congresso ha individuato attraverso il rinnovamento della classe dirigente, nuova linfa, energie e cultura industriale all’altezza delle sfide che attendono la nostra categoria;

 l’assise congressuale, ha espresso la convinzione che al nostro paese, serva una nuova politica di sviluppo industriale dei settori strategici.

 Questo supportato dal Segretario Nazionale Paolo Pirani, secondo cui non è possibile parlare di sviluppo prescindendo dal manifatturiero.

Senza di esso, sarebbe la desertificazione per il paese e per tutto il nostro territorio.

 Anche l’energia rappresenta un settore centrale per la socialità e il settore delle imprese.

 E’ urgente un piano nazionale e ancor più una strategia internazionale, in cui il tema vada affrontato sia dal punto di vista della diversificazione dei sistemi di produzione, che per gli approvvigionamenti.

Questo perché, dall’economia delle materie prime e dal loro prezzo, insieme queste rappresentano la questione nodale, per l’industria e per i servizi a rete.

 Il Congresso, ringrazia le donne e gli uomini che con il loro impegno, hanno  contribuito alla crescita e alla affermazione della UILTEC, nella condivisione assoluta dei principi di tutela di tutti i lavoratori e di chi il lavoro lo ha perso.

In conclusione, il Congresso ha riconfermato all’unanimità il Segretario Generale della Uiltec di Brindisi Carlo Perrucci, il Tesoriere Angelo D’Errico e i Componenti la  Segreteria Territoriale nelle persone di Giovanni Albano, Annarita Gianniello e Cosimo Zimmari.

 Brindisi 18 aprile 2014

 La Segreteria Territoriale Uiltec