In Primo Piano

Stampa

Non parte l'avvio del servizio refezione scolastica

 Non rispettati gli impegni

8 ottobre 2018

Vengono smentiti nei fatti gli annunci effettuati dal Sindaco di Brindisi in conferenza stampa circa l’avvio del servizio mensa. A far data da oggi, infatti, l’annunciato avvio del servizio di refezione scolastica in tutte le scuole del capoluogo non c’è stato e non solo per l’utenza affetta da problematiche afferenti allergie e/o intolleranze alimentari per cui era stato annunciato uno slittamento al 15 Ottobre in attesa di menù dedicati predisposti dalla ASL.......

Nella mattinata odierna, infatti, le famiglie hanno dovuto prendere atto dell’impossibilità di usufruire del servizio con gravi ripercussioni sulla gestione dei tempi e l’organizzazione famigliare. In un comprensivo dopo aver fatto prenotare il pasto i genitori sono stati ricontattati telefonicamente per comunicare il dietrofront.   Una situazione insostenibile  che ha riguardato la quasi totalità delle scuole a tempo pieno del capoluogo con l’esclusione del comprensivo “Centro” ed il  “Centro 1” che comunque stanno avendo non poche difficoltà nell’approntare l’accoglienza del servizio in queste ore. Tempi ristretti anche per l’organizzazione e la messa in funzione del centro cottura lasciando spazio ai dubbi circa l’approvvigionamento delle materie prime aspetti che ci auguriamo non vadano ad incidere su qualità del servizio ed efficienza.   Ritornando alla conferenza stampa numerosi sono gli interrogativi emersi partendo dai ritardi nella predisposizione dei menù da parte della ASL la stessa che garantisce il supporto ad altri comuni vicini che hanno già avviato da tempo il servizio di refezione scolastica. Altro aspetto non di minore importanza il cambio di consegne tra aziende e l’annuncio dell’indisponibilità sia dei dati dell’utenza sia di attrezzatura per un importo di diverse centinaia di migliaia di euro aspetto su cui oltre le diffide chiediamo siano avviate le opportune azioni di tutela da parte dell’ente. L’ADOC  chiede che l’amministrazione comunale si faccia promotrice nelle prossime ore di un incontro urgente con dirigenze scolastiche, azienda appaltatrice e ASL per monitorare la situazione e dare certezze alla cittadinanza. Quanto sopra deve andare di pari passo con l’istituzione di un gruppo di lavoro che effettui il monitoraggio del livello di qualità del servizio, attraverso la redazione di una carta dei servizi, e discuta azioni migliorative con il coinvolgimento delle associazioni dei consumatori così come previsto per legge.      

 IL PRESIDENTE PROVINCIALE

ZIPPO GIUSEPPE