In Primo Piano

Stampa

Attivo unitario per la manifestazione del 12 dicembre a Bari

la Presidenza

SANITA' e WELFARE

Pretendiamo risposte da Governo e Regione

4 dicembre 2018

CGIL, CISL e UIL, nell’attivo unitario del 3 dicembre scorso che si è svolto a Bari, intendono riportare al centro dell’attenzione le gravi condizioni dei servizi sanitari e socio-sanitari nel Paese e nella Puglia. In un contesto di disagio sociale serve, a partire dal Governo nazionale, il rilancio del nostro Servizio Sanitario Nazionale, per ristabilire il diritto alla salute ed alle cure in modo uniforme in tutto il Paese, così come prevedono la nostra Costituzione e la stessa Riforma Sanitaria..........

 

Servono più risorse per Sanità e Welfare e difendere la centralità del Servizio pubblico per garantire l’universalità delle prestazioni. Serve più equa ripartizione del Fondo sanitario nazionale che penalizza le regioni del SUD. Nessuna risposta arriva invece dal DEF predisposto dal Governo dove, anzi, sono previsti altri tagli economici.

A livello regionale, pur avendo avuto momenti di confronto con la regione Puglia, restano aperte tante questioni in ambito sanitario: dalle liste di attesa alla medicina territoriale, dal servizio di 118 alla chiusura di Punti di primo intervento con crescenti danni per tante famiglie costrette a rivolgersi ad altre regioni (per chi se lo può permettere) con complicazione e danni irreparabili per la salute dei cittadini meno abbienti. Va regolamentata la pratica libero-professionale del personale medico: intra moenia ed extra moenia che non può penalizzare le prestazioni pubbliche ed allungare i tempi di attesa.

Per il Welfare le cose non vanno meglio. Dall’approvazione del Piano regionale delle Politiche Sociali sono pochissimi gli ambiti che hanno avviato tavoli di concertazione e confronto per la definizione dei Piani Sociali di Zona, registrando un arretramento dell’equità nell’accesso alle prestazioni che colpisce la fasce più deboli della popolazione.

 Dopo ampio dibattito l’assemblea ha deciso di indire il 12 dicembre prossimo – inizio ore 9,30 - una MANIFESTAZIONE UNITARIA di protesta a Bari presso la Giunta regionale, lungomare NAZARIO SAURO n. 33, per chiedere alla Regione: 

  • Più risorse per la Sanità ed il Welfare pubblico

  • Programmazione di una medicina territoriale efficiente e capillare

  • Abbattimento delle liste di attesa

  • Riqualificazione della spesa sanitaria

  • Regolamentazione della pratica libero-professionale

  • Piano di assunzione di personale medico ed infermieristico

  • Interventi di prevenzione per la salute e l’ambiente. 

UIL Brindisi