Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Il “Metodo Brindisi” all’attenzione della politica.

5 luglio 2021 Il continuo impegno che la UIL di Brindisi dedica da anni verso i temi che riguardano lo sviluppo e l’occupazione nel nostro territorio ha avuto e continua ad avere il vantaggio di rendere sempre più attuale e presente l’attenzione delle personalità politiche che ci rappresentano, interessate come noi a volere, finalmente, affrontarli in maniera seria e costruttiva.

La politica a livello nazionale e, auspichiamo regionale e provinciale, ha considerato la Piattaforma sottoscritta da CGIL, CISL e UIL a livello territoriale con Confindustria e CNA Brindisi: il “METODO BRINDISI”, uno strumento fondamentale di confronto al Ministero dello Sviluppo Economico. Le proposte contenute nel suddetto documento sono state ritenute valide e necessarie ad affrontare investimenti innovativi e riorganizzativi.

Le dichiarazioni dell’onorevole D’Attis e di altri parlamentari in merito sono chiare e condivisibili. La disponibilità espressa dal vice Ministro Pichetto di aprire il confronto anche sulla proroga dell’Accordo di programma quadro sulla chimica finalizzato ad ulteriori iniziative di investimento in avanzata fase di progettazione nell’area industriale di Brindisi come Jindall, la gestione della transizione energetica della decarbonizzazione con i progetti industriali compatibili con gli investimenti previsti dal P.N.RR. è un ottimo punto di partenza per le prossime strategie di crescita della nostra città e della Provincia.

La Politica svolge Il ruolo che le compete. Finalmente c’è attenzione e considerazione nei confronti di un territorio e per la collettività brindisina.

Attendiamo la prossima convocazione da parte del vice Ministro Pichetto stando attenti a dare continuità alla attività di rappresentanza ed al ruolo sociale che la UIL svolge nel territorio per sostenere gli interessi dei lavoratori e dei cittadini.

Antonio Licchello

Leave a comment